O glorioso San Leucio, tu che nascesti nella terra di Egitto, dove il bambino Gesù trovò rifugio dall’odio di Erode, vieni in nostro soccorso e offri anche a noi un luogo di riparo dalle insidie del mondo. Erode vive ancora oggi nei nostri egoismi, e solo facendo anche noi un Esodo dalla schiavitù del peccato alla libertà dei figli di Dio, potremmo metterci in salvo e of-frirci al mondo come “sale della terra e luce del mondo”. Per questo ottienici il dono di una fede viva. Una fede disposta a mettersi in cammino. Una fede che ci liberi. Una fede che guarisce e risana ovunque passa. Rendici portatori di questa fede, e segno della fedeltà di un Dio che non viene meno alle Sue promesse.
Padre Nostro, Gloria

O glorioso San Leucio, che scegliesti la via del monachesimo per prendere sul serio i Consigli evangelici, insegnaci a fon-dare la nostra vita sulla Buona Novella che Gesù è venuto a portarci. Così come tu comprendesti che solo prendendo sul serio il comandamento dell’Amore si può conoscere anche quel Dio infinito e misterioso che ha donato al mondo il Suo Figlio unigenito. Quel Figlio Gesù, che ci ha amati donando la Sua vita per noi, e lasciandoci come rotta da seguire il Suo stesso esempio: Amare senza tornaconto, senza cercare il proprio interesse, ma donando gratuitamente. Solo una vita vissuta come te, nel continuo tentativo di mettere al primo posto Dio, può aiutarci a vivere bene ciò che siamo e ciò che abbiamo ora. Senza questa priorità di Dio, siamo condannati a rovinare e sprecare tutto. Ricorda a ciascuno di noi quello che Gesù disse ai suoi discepoli: “vi riconosceranno da come vi amerete”. Insegnaci questo amore, che è la vera differenza cristiana che il mondo si aspetta da noi.
Padre Nostro, Gloria

O glorioso San Leucio, tu che per ispirazione divina ti mettesti in viaggio attraverso il mare e giungesti sulle coste Salentine, attra-verso il porto di Brindisi. Rinnova anche per noi oggi il miracolo dell’evangelizzazione. Rinvigorisci dentro ciascuno il racconto del Vangelo. Annunziaci che siamo figli e non schiavi, che siamo eredi e non perduti, che siamo amati e non abbandonati. Togli da noi la paura e l’idolatria e aiutaci a sentire su di noi la mano paterna di Dio che ha a cuore la nostra felicità e vuole la Sua Chiesa come strumento di edificazione della gioia, di quel regno di Dio che non è lontano ma che è in mezzo a noi. Di quel regno che non abita le pietre, ma i cuori dei fedeli. Di quel regno che esiste ovunque c’è un uomo di buona volontà. Rendici tali. Rendici uomini di buona volontà, amanti di Dio, appassionati per la Sua Chiesa, disposti ad essere segno del Suo amore nel mondo. Donaci il dono della speranza perché possiamo spingere ogni fatica verso un approdo, ogni dubbio verso una risposta, ogni dolore verso una consolazione.
Padre Nostro, Gloria

ORAZIONE

O Dio, che hai plasmato con il Tuo Spirito di verità, e di amore il vescovo san Leucio e lo hai posto nella chiesa brindisina come Pastore della nuova alleanza, sostieni sempre il tuo popolo, che lo venera come maestro e intercessore. Per Cristo Nostro Signore. Amen